Cultura e istruzione : Limba, l’ora della tutela

(L’Unione Sarda)

Lingua sarda, la Regione non avrà più alibi: avrà competenza primaria per tutelarla, benficiando di un finanziamento statale. Una svolta, stando al deputato del Pd Francesco Sanna che presiede la Commissione paritetica Stato-Regione Sardegna per l’attuazione dello Statuto di autonomia: nell’ultima riunione ha approvato all’unanimità uno schema di decreto legislativo destinato al tavolo del Consiglio dei ministri. Il provvedimento consentirà di trasferire dallo Stato alla Regione l’attuazione della legge 482/1999 in materia di tutela, promozione e valorizzazione della lingua sarda e catalana. In sostanza, spiega Sanna, «il legislatore regionale potrà organizzare come meglio ritiene l’esercizio di queste sue nuove competenze, godendo la Regione di uno specifico stanziamento, distinto da quello indirizzato alla tutela delle altre minoranze linguistiche nazionali spetterà sempre alla legge regionale stabilire le regole e coordinare l’azione delle istituzioni scolastiche della Sardegna in materia di uso del sardo e del catalano nella scuola dell’infanzia e in materia di insegnamento di entrambe le lingue nelle scuole primarie e secondarie di primo grado». L’iter è già fissato: ora la parola passa al Consiglio regionale. Il suo parere positivo, consentirà la trasmissione dello schema di decreto legislativo al Governo per la sua definitiva approvazione.

Ultime news

Torna in alto